Istruzioni per l'uso

  • 01.

    Selezionate il viaggio preferito
    e richiedete un preventivo
    gratuito on-line

  • 02.

    Scegliete la Onlus
    e il progetto sociale
    che più vi sta a cuore

  • 03.

    Sarete invitati nell’Agenzia di
    Viaggi del Cuore più vicina a voi, per finalizzare la prenotazione.
    E... il gioco è fatto!

01. Cercate la vostra luna di miele solidale

dal //
al //

Progetto solidale: Salute a bambini e mamme in fuga dall’ISIS
Salute a bambini e mamme in fuga dall’ISIS

Progetto solidale: Salute a bambini e mamme in fuga dall’ISIS

Ambito: Infanzia e salute
Paese: Kurdistan - Iraq
Onlus: AISPO

Nella Regione Autonoma del Kurdistan (Iraq), alla già gravosa gestione dell’afflusso di rifugiati provenienti dalla guerra in Siria (oltre 250.000 persone accolte negli ultimi 3 anni) si è aggiunta la recente crisi innescata dall’avanzata delle truppe dello Stato Islamico (ISIS). L’escalation di violenza ha provocato migliaia di morti, uccisi dai miliziani o dagli stenti della fuga e quasi 2.200.000 IDPs sfollati. Oltre il 40% sono bambini. Se si considera che la popolazione residente del governatorato di Duhok è stimata pari a circa 1.200.000 persone, si può capire l’enorme impatto sociale che la situazione provoca.

La sanità è al collasso. Al momento tutte le strutture della città e del governatorato sono oberate da una presenza di pazienti e da una domanda di servizi di gran lunga superiore alle capacità.

L’esigenza sanitaria materno-infantile

Il continuo arrivo di profughi ha messo in crisi, in particolare, la maternità della città di Duhok, dove si offre assistenza sia alle partorienti che ai neonati. Il numero di queste donne è in continuo aumento: i parti prematuri, le sofferenze fetali, conseguenza degli abusi, delle violenze fisiche e delle precarie condizioni di vita hanno sensibilmente aumentato la richiesta di ricovero in centri capaci di affrontare queste emergenze. I parti registrati nel 2015 a Duhok sono 60.000, con picchi di oltre 100 parti al giorno. Numeri che vanno ben oltre le capacità attuali delle strutture sanitarie.

AISPO si sta adoperando per l’equipaggiamento di una nuova Terapia Intensiva Neonatale con 3 posti letto e con apparecchiature che permettono ai medici e agli infermieri di monitorare le funzioni vitali quali respiro, attività cardiaca, temperatura corporea, alimentazione artificiale. Unitamente all'utilizzo dell'incubatrice la terapia intensiva deve essere fornita di: 1 Monitor multi-parametrico, 1 Ventilatore meccanico neonatale, 1 Pompa infusionale volumetria, 1 Pompa a siringa, 1 Pompa per alimentazione enterale.

Per saperne di più sul progetto:

Scopri il progetto